Alghero la città che diventa gioco

Alghero una città che diventa un gioco l’idea innovativa per un turismo proiettato nel futuro.

Si chiama Play Alghero ed è una creazione di Fabio Viola, game designer e producer che ha lavorato a giochi da milioni di copie vendute come The SimsSimCityNeed for SpeedCrash Bandicoot Father and Son.

Alghero diventa un laboratorio di innovazione urbana apripista in Europa – spiega Viola a Forbes – sperimentando intersezioni tra tecnologia, creatività e patrimonio. Il ruolo del gioco è centrale nei processi di partecipazione dei residenti e turisti nel XXI secolo, un linguaggio che accomuna oltre due miliardi di persone nel mondo. La città viene scoperta e vissuta attraverso ilgioco e si candida a diventare uno spazio, fisico e digitale, attrattivo per le nuove generazioni”.

I progetti di Play Alghero: dal QuestBox alle figurine

Viola e i suoi collaboratori hanno selezionato dieci progetti complessivi. Tra questi, la scatola magica Alghero QuestBox, consegnata ai turisti in aeroporto e contenente mappe e indizi per trasformare i visitatori in “investigatori” a caccia dei punti salienti della città.

CollezionAlghero è invece una collezione di figurine delle bellezze della citta: per poter completare l’album è necessario visitare fisicamente musei e luoghi turistici. DigitalPlayGround ha sede nella torre medievale di San Giovanni: i partecipanti possono disegnare, colorare in 3D e modificare con le interazioni touch sulle superfici alcuni elementi marittimi che, in tempo reale, finiranno proiettati sulla torre.

Il programma di gioco entrerà a far parte dell’offerta turistica e culturale della città nel 2022. Ma Andrea F. Delogu, il Presidente della Fondazione Alghero, promette che non finisce qui. “Diamo la possibilità a giovani creativi, società, startup e appassionati – rivela Delogu – di essere protagonisti del percorso grazie a un finanziamento di 60mila euro: 10mila per ogni gioco fisico e 15mila per ogni gioco digitale”.

Il progetto attivo comprende cinque giochitre fisici e due digitali. L’obiettivo è rivoluzionare la tradizionale visita turistica, rendendola unica e speciale e trasformando la città in una “playable city”, allargando la base di visitatori grazie alla fruizione digitale dei luoghi.

Dietro la piattaforma c’è Med Gaims, il progetto di cooperazione euro-mediterranea finanziato dall’Unione europea per promuovere il patrimonio artistico e culturale attraverso l’uso dei giochi. Il partenariato di Med Gaims ha sede a Cagliari e coinvolge l’Italia, la Spagna, il Libano e la Giordania.

Finanziato con un contributo dell’Ue pari a 2,1 milioni di euro, Play Alghero è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Alghero e il Laboratorio Animazione e Design del Dadu, il Dipartimento di Architettura Design e Urbanistica di Alghero dell’Università di Sassari guidato da Nicolò Ceccarelli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.